Home Ambasciatori 2023 Lo spazio come via di comunicazione

Lo spazio come via di comunicazione

148
0

Lo spazio ha caratteristiche fondamentali per favorire la comunicazione diretta:
1) definisce il contesto: lo spazio in cui avviene la comunicazione può fornire importanti informazioni di contesto, come la posizione geografica, il tipo di ambiente e la cultura che lo circonda.
2) permette di evitare il sovraccarico di informazioni: uno spazio adeguato può aiutare a evitare il sovraccarico di informazioni e a garantire che il messaggio venga trasmesso in modo chiaro e conciso.
3) favorisce la comprensione non verbale: lo spazio può influenzare la comunicazione non verbale, come i gesti, le espressioni facciali e il linguaggio del corpo.
4) migliora la privacy: uno spazio adeguato può garantire la privacy necessaria per alcune conversazioni, impedendo che estranei o interruzioni esterne interferiscano con la comunicazione.
5) favorisce l’interazione sociale: uno spazio adeguato può facilitare l’interazione sociale tra le persone, consentendo loro di entrare in contatto fisicamente e di condividere esperienze comuni.
La comunicazione attraverso il linguaggio è stata fonte di discussione da parte di vari filosofi, in particolare Platone, Quine e Davidson i quali hanno a riguardo teorie ben distinte:
Per Platone, il linguaggio rappresenta le idee universali e immutabili del mondo delle idee. La verità del linguaggio dipende dalla sua capacità di rappresentare queste idee in modo corretto e accurato.
Per Quine, il significato del linguaggio dipende dalle relazioni tra le parole e le cose a cui si riferiscono. La verità del linguaggio viene stabilita attraverso l’esperienza e la verifica empirica.
Per Davidson, il significato del linguaggio dipende dalla sua capacità di comunicare informazioni tra gli individui. La verità del linguaggio viene stabilita attraverso l’intersoggettività e la comprensione condivisa.
In sintesi, Platone credeva che il significato del linguaggio fosse basato su idee universali e immutabili, Quine sosteneva che il significato dipendesse dalle relazioni tra le parole e le cose a cui si riferiscono mentre Davidson riteneva che il significato di comprendere fosse la
capacità di comunicare informazioni e di stabilire un’intersoggettività tra i parlanti.
Ad oggi sappiamo che il linguaggio non è solamente verbale poiché quest’ultimo è influenzato da una moltitudine di fattori, teorizzati a loro volta dalla pragmatica della comunicazione, ossia una branca della linguistica che si concentra sullo studio del modo in cui la comunicazione avviene in contesti specifici e delle implicazioni pragmatiche che possono derivarne.
In altre parole, la pragmatica della comunicazione si concentra sull’analisi del significato che emerge dalla comunicazione tra le persone, non solo attraverso le parole che vengono usate, ma anche attraverso il contesto, la conoscenza condivisa e le intenzioni degli interlocutori.
Uno dei principali obiettivi della pragmatica della comunicazione è capire come gli individui utilizzano il linguaggio per raggiungere obiettivi specifici, come persuadere, informare, chiedere informazioni o costruire relazioni. A questo proposito, la pragmatica della comunicazione si interessa anche delle forme di ambiguità, ironia, sarcasmo e umorismo, che possono emergere dalla comunicazione tra le persone.
Per concludere, questi argomenti ci hanno permesso di capire come la comunicazione umana sia un fenomeno complesso e multidimensionale, che coinvolge non solo il linguaggio verbale, ma anche altri fattori come il contesto, la cultura, le emozioni e le relazioni sociali. La conoscenza di questi aspetti può aiutare a migliorare la comunicazione interpersonale e la comprensione reciproca, considerando anche che, a volte,
comunicazione verbale e non-verbale non coincidono creando messaggi contraddittori e difficili da intendere.

Autore: Federica Di Paolo, 3A Scienze Umane G. Marconi Pescara

Previous articleAttraversando lo spazio
Next articleIl suono

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here