Home Ambasciatori della Festa di Scienza e Filosofia Un grazie e un arrivederci agli Ambasciatori di Festa di Scienza e...

Un grazie e un arrivederci agli Ambasciatori di Festa di Scienza e Filosofia

2303
0

“Quando anche il ricordo è scomparso,
rimane solo una contentezza vaga e delusa,
come quella di chi,
lasciata andare una farfalla meravigliosa,
rimane con un po’ di polvere d’oro sul dito” 

Questo passo, forse versi di una poesia, circolava tra i banchi del mio liceo… qualche annetto fa.

Non si adatta perfettamente allo stato d’animo attuale, perché il ricordo dei giorni di “Festa” è ancora appagante e vivissimo, ma certo esprime la sottile malinconia che ci pervade nel vedere le aule del Laboratorio di Scienze Sperimentali non più affollate di studenti al lavoro e non più cariche di quella tensione organizzativa e culturale, tanto ambita e così parimenti temuta, in attesa dell’evento.

Sì, è vero, i riflettori della ribalta si sono spenti, il tono abbassato e tutto al confronto appare dimesso.
Una pausa inevitabile dopo tante emozioni e non pochi affanni, ma sicuramente uno stacco necessario per razionalizzare, sedimentare e maturare intenti.
Ben altre sono infatti le luci che si possono accendere negli occhi e nella mente di chi alla scienza e alla cultura si rivolge con interesse e curiosità, ma soprattutto ben altro è lo stimolo che può essere attivato e promosso nei nostri ragazzi, cercando di superare le barriere del timido pudore o della sfrontata sicurezza che spesso, da bravi adolescenti, loro stessi pongono.
Il loro indefinibile potenziale è certamente enorme e, come tale, una ricchezza collettiva assoluta per cui, cercare di instaurare una relazione significativa nel loro processo educativo, facendoli interfacciare con le tematiche e le personalità di rilievo di “Festa”, con quelli che sono i mezzi a loro più attuali e consoni, è un piacevolissimo dovere, oltreché totalmente legittimo e gratificante.

Perciò continueremo con gli stessi dubbi e incertezze, cercando un confronto operativo più serrato, con la stessa volontà ed entusiasmo, per poterci raccontare ancora…

…con un po’ di polvere d’oro sul dito

Maria Stefania Fuso 

Previous articleLettera aperta al dott. Paolo Plevani
Next articlePresentazione progetto Ambasciatori A.S. 2016/’17 per Alternanza Scuola-Lavoro